Milleunadonna

Tutta la magia del foliage autunnale: ecco i luoghi d'Italia e Oltreconfine dove i colori caldi la fanno da padroni

La sinfonia dell’autunno si compone di note dai mille colori, in montagna o in collina, sono tante le opportunità per godersi questo l’atmosfera calda e avvolgente dell'autunno

La sinfonia dell’autunno si compone di note dai mille colori. Giallo intenso, ocra, arancio, rosso vivo, verde. E’ la stagione in cui la luce, l’atmosfera calda e avvolgente invitano a tuffarsi in una natura capace di rigenerare, nutrire il corpo e lo spirito. In montagna o in collina, sono tante le opportunità per godersi questo tripudio, in scenari perfetti per trascorrere qualche giorno di relax e riossigenarsi, complici il clima mite, l’atmosfera più tranquilla rispetto all’estate e le tariffe più convenienti.

Tra le vette

Non si esagera se si afferma che, in questo periodo, i prati alpini dell’Armentara, in Alta Badia, nel Parco Naturale Fanes-Senes-Braies, sono uno spettacolo. Fare un giro qui consente di abbandonarsi alla pace di un luogo magico, circondati dalle cime dolomitiche, dall’erba punteggiata di rosa-lilla del colchico autunnale, dai boschi di abete rosso, cirmolo e larici, che iniziano ora a cambiar colore sino ad assumere sfumature dorate. Una meraviglia, impreziosita dal panorama a 360 gradi che si gode dall’altipiano, a 2000 metri (altabadia.org)

Booking.com

Dall’Alto Adige alla Lombardia, per farsi sorprendere dalla tavolozza di colori del Parco Nazionale dello Stelvio. In particolare, due sono le valli più spettacolari dove il foliage è imperdibile: la Valle di Fraele e la Val Viola.

La prima per i suoi contrasti, tra il color zaffiro dei Laghi di Cancano e il rosso dei larici; la seconda, tra più suggestive del comprensorio di Bormio, è il regno il silenzio, perché è un'area naturale di interesse comunitario, zona protetta, ampia, pianeggiante e luminosa, che si trasforma per tutto l’autunno in un manto arancione (bormio.eu)

Ci spostiamo a nord-est, in Friuli, e più precisamente in Carnia; anche qui si innalzano maestose le Dolomiti, e l’acqua dei numerosi specchi lacustri riflette soprattutto ora le sfumature cangianti dei boschi, creando uno scenario unico. I tanti itinerari che qui si dipanano conducono al laghetto Zieglhütte, per poi dirigersi verso il lago Volaia o al rifugio Marinelli, ai piedi della vetta più alta della regione. E ancora, il lago di Bordaglia, di origine glaciale, circondato da un’oasi faunistica di rara bellezza, la più vasta della regione. A Forni Avoltri, il lago Volaia è uno dei più affascinanti della Carnia, dove il blu si staglia contro il bianco delle rocce e il giallo dei larici (turismofvg.it)

Booking.com

Dolci pendii

Alberi monumentali e un particolare bosco di bambù giganti. Il parco del Castello di Miradolo, a S. Secondo di Pinerolo (TO), è un esempio di giardino all’inglese di oltre sei ettari, dove sono presenti piante di diversa dimensione e pregio; si possono fare delle visite guidate  con un’esperta naturalista, osservando i cambiamenti che sopraggiungono nel giardino in queste settimane, con l’avvento dei primi freddi, e partecipare ad appuntamenti come il “Forest Bathing”, incontri di pittura ad acquerello en plein air, spettacoli di burattini, tableaux vivants (fondazionecosso.com, turismotorino.org)

Immerso tra le colline dell’Umbria settentrionale, in posizione dominante sull’Alta Valle del Tevere e su quella del torrente Carpina, ecco Montone (Pg), uno dei Borghi più Belli d’Italia. Circondato da possenti mura, il paese si può scoprire a piedi, percorrendo le strette e tortuose vie che percorrono il centro, godendosi il variopinto panorama circostante. In più il paese ospiterà da sabato 29 ottobre a martedì 1° novembre la “Festa del Bosco”.

Tripudio di colori anche nei dintorni del centro medievale di Campello Alto (PG), a pochi km da Spoleto e dalle Fonti del Clitunno; qui le vigne del Sagrantino passano dal verde al rubino, e le distese di boschi, più sgargianti che mai, accolgono con la loro pace. Tra i vicoli del borgo sorge il Relais Borgo Campello, albergo diffuso ricavato da dimore d’epoca, dove prender parte ad attività in mezzo alla natura, dalla caccia ai tartufi alla raccolta di erbe spontanee (borgocampello.com)

Dal finestrino…

In carrozza con il Treno del Foliage. Sino al 6 novembre tutti a bordo della Vigezzina-Centovalli, definita dalla Lonely Planet come una delle dieci “ferrovie più spettacolari d'Europa”. 52 km. tra Italia e Svizzera, partendo da Domodossola e salendo sino a Santa Maria Maggiore, per poi scendere a Locarno e al versante elvetico del Lago Maggiore, attraversando paesaggi che vi incolleranno al finestrino (vigezzinacentovalli.com)

A inizio ‘900 l’antica ferrovia a cremagliera portava i passeggeri dal centro di Bolzano direttamente al Renon. Oggi il tragitto panoramico è ridotto, ma collega, tutto l’anno, Soprabolzano a Collalbo in soli 18 minuti, regalando scorci di natura che sono una gioia per gli occhi. E quando lo storico trenino è “a riposo”, entra in funzione quello rosso, più nuovo ma ugualmente suggestivo. Dalle varie fermate partono numerosi sentieri escursionistici che portano a punti “strategici” dell’altopiano: dal maso Plattner di Costalovara con il suo museo sull’apicoltura al punto panoramico sulle Piramidi di terra (ritten.com)

Per un soggiorno che si sposa armoniosamente con il contesto, ecco l’Adler Lodge Ritten, luminoso “eco-rifugio” a cinque stelle nel cuore del Renon, circondato dal bosco e con vista sulle Dolomiti. Il pacchetto Yoga & Spirit Week, valido dal 6 al 13 novembre, permette di sperimentare varie tipologie di yoga dolce, rituali, pratiche di respirazione e meditazione. E a fine novembre/inizio dicembre ci sarà anche un ritiro di Pilates e Jivamukti Yoga (adler-resorts.com)

Oltreconfine

Foliage e delizie per il palato. Un’iniziativa originale e golosa quella dei Paesaggi culinari-Tavole intorno al lago Millstätter See, in Carinzia. Fino al 2 novembre, i variopinti paesaggi naturali intorno al lago si trasformano in punti di ristoro di qualità, con tavole imbandite una diversa dall’altra. La filosofia riflette ciò che rende speciale la regione: esperienze particolari nella natura, agricoltura sostenibile e autentica all’insegna di Slow Food, convivialità. E dopo nettare e ambrosia, da provare uno degli Slow Trails intorno al lago (https://www.millstaettersee.com/it/regione-villaggi/paesaggi-culinari.html, carinzia.at)

Il Trenino Rosso del Bernina  parte da Tirano, in Valtellina, e consente di fare un’esperienza di viaggio in luoghi incontaminati, ricchi di storia, giungendo infine a St. Moritz. Capolavoro di ingegneria dell'inizio del '900, è Patrimonio Unesco dal 2008, e le sue carrozze panoramiche, con ampie vetrate, offrono una vista a 360°. Quota 2253 è il punto più alto raggiunto da questa ferrovia, che sale dolcemente riservando sorprese a non finire, come la spettacolare vista sul gruppo del Bernina (treninodelbernina.com)

Se state programmando una vacanza più lunga e itinerante e puntate agli Stati Uniti, il posto giusto per ammirare le meraviglie di stagione  è Mammoth Lakes, in California. Nella Sierra orientale il foliage è unico, ed è una meraviglia ammirare le foglie dorate degli Aspen, adagiate sulle cime di granito, che si riflettono nei laghi. In questo periodo il clima è ideale, non c’è affollamento, i prezzi sono convenienti e c’è l’imbarazzo della scelta tra le tante attività che consentono di vivere appieno il fascino dell’autunno (visitmammoth.com).

Leggi anche

Da Dublino all'Alto Adige: le destinazioni più "spaventose" al mondo dove festeggiare Halloween

Trentino: la guida dettagliata e i trucchi per godersi la montagna dall’alba al tramonto

Firenze “Regina d’Europa”: ecco perché svetta fra la 15 migliori città del Vecchio Continente

In vacanza con Fido, ecco un ventaglio di spunti per organizzarsi al meglio

La guida ai locali più trendy e imperdibili di Milano