Milleunadonna

Non è mai troppo tardi per avere successo nella vita: ecco la prima tappa

"Non basta dire voglio fare il pilota ma bisogna specificare di che mezzo, con che grado e in quanto tempo". Oggi parliamo di come si costruisce un obiettivo SMART, la prima tappa verso la propria realizzazione

Spesso la ragione di un insuccesso sta negli obiettivi che ci si è posti: un obiettivo irraggiungibile è un ostacolo insormontabile per la riuscita di un'impresa.  Gli obiettivi, per essere raggiunti devono essere SMART, ovvero Specifici, Misurabili, Riconosciuti, Realistici e Scadenzabili. Vi faccio un esempio pratico: mettiamo che io voglia fare la ballerina professionista e ballare alla Scala di Milano. Vi sembra un obiettivo SMART? Se rispondete sì, vi ringrazio per la stima e la fiducia ma che mi piaccia o meno questo non è un obiettivo SMART, vi spiego perché:

1 Non è specifico. Voglio fare la ballerina, ma di cosa? Danza classica, moderna, o semplicemente ballo liscio?

2 È misurabile? Posso sapere in ogni momento a quale livello sono arrivata.

3 Non è riconosciuto. Avete mai visto una ballerina di quasi mezzo secolo? Oh, sì, la Fracci ma lei ha iniziato da ragazzina.

4 Non è realistico. A 49 anni, al massimo posso ballare in una balera, non certo alla Scala.

5 Non è scadenzabile. Non ho specificato in quanto tempo voglio raggiungere il mio obiettivo impossibile

Non basta dire voglio fare il pilota ma bisogna specificare di che mezzo, con che grado e in quanto tempo. Oggi parliamo di come si costruisce un obiettivo SMART, la prima tappa verso il successo.