Milleunadonna

Miss Holocaust 2021: lo strano caso del concorso di bellezza per le sopravvissute alla Shoah

Il concorso è stato istituito nel 2012 dall'ente benefico israeliano Yad Ezer La-Haver, che significa "dare una mano a un amico"

di Askanews

E' senza dubbio un concorso di bellezza come nessun altro, visto che tutte le concorrenti sono sopravvissute all'Olocausto. A qualcuno potrà sembrare poco rispettoso accostare due argomenti così lontani come l'avvenenza e la Shoah, ma il concorso è stato istituito nel 2012 dall'ente benefico israeliano Yad Ezer La-Haver, che significa "dare una mano a un amico", e l'evento di gala è tornato dopo una pausa di due anni.

Le miss ultrasettantenni

Dieci concorrenti, di età compresa tra 79 e 90 anni, hanno gareggiato per la corona del 2021, che è stata vinta dall'ottantaseienne Selina Steinfeld, una sopravvissuta di origine rumena al tentativo nazista di sterminare gli ebrei europei. "Sono commossa. Non ho parole", ha detto la bisnonna mentre ha ritirato il premio a Gerusalemme, indossando un abito dorato e una grossa collana di perle.

La seconda classificata

Marcelle Epstein, seconda classificata per Miss Holocaust 2021 racconta: "Lasciai la guerra in Francia, e venni qui con le guerre. Grazie a Dio avevo una piccola famiglia, che mi ha dato molta forza per vivere, per vedere la vita sotto un'altra luce. Grazie a Dio, la vita è bella. Abbiamo bisogno di sapere come vivere, ma non si può dimenticare l'Olocausto".
Nella sua camera da letto, Marcelle ci mostra il vestito per il concorso. "Non si tratta della corona o non della corona. Dentro, sono una regina. Della mia vita", aggiunge.