Milleunadonna

Drusilla Foer, gli abiti riciclati e il video postato nel 2020 che suona come una premonizione

Ancora poco nota nel 2020 la nobildonna postò un incredibile video che anticipava quello che sarebbe accaduto

TiscaliNews

Pochi ricordano il video postato su Instagram da Drusilla Foer nell’ottobre del 2020 dove, in una delle sue esilaranti gag imprigionata nel guardaroba per mano della sua fedele ma cinica domestica Ornella, tra pailette e chiffon, riceve la telefonata del direttore Rai che le propone il ruolo di valletta "un po’ agè" al Festival di Sanremo.

Forse è già da tempo che la Rai corteggia la nobildonna fiorentina ma bisogna ammettere che il video, a distanza di due anni suona come una premonizione.

Drusilla pare già pronta e nella scenetta spiega di conoscere perfettamente i trucchi per scendere la scalinata: ”Una donne che scende una scalinata e guarda per terra non merita quella scalinata”.

Nel video anticipava di voler indossare i suoi abiti e in parte così è stato. A curare il suoi outfit ci ha pensato la sua sarta di Firenze Rina Milano. Per cui niente grandi griffe. 

"Mi farò fare un paio di vestitini un po' così e per il resto indosserò quelli che già ho. Con molto dispiacere ho detto di no ad alcuni brand che ammiro e che mi hanno cercata, ma penso che dobbiamo far passare il segnale che l'economia italiana deve ripartire dal basso, dalle sartorie, dagli atelier piccoli e quindi io dalla mia sarta mi sono fatta fare due vestiti, oltre a tre che gia' ho e che forse sono stati già visti. È giusto che la gente veda che le persone si rimettono le cose" 

TErminata la sua avventura all'Artiston non possiamo che essere d'accordo con Drusilla che prima del suo debutto prometteva :

” Se non casco sarò sublime”.

Le parole del direttore Rai

"Drusilla l'ho chiamata appena arrivato a Rai1 e ha partecipato a Ciao maschio con Nunzia De Girolamo. Ragionavo proprio ieri sera, mentre la guardavo on stage con Amadeus: le darei una seconda serata seriale da lunedì a venerdì, potrebbe accompagnare gli italiani con grande intelligenza, raffinatezza e ironia, sono registri che servono in una tv generalista.

Ma per ora sono pensieri epidermici". A dirlo è il direttore di Rai1 Stefano Coletta rispondendo alle domande in sala stampa. Quanto alla collocazione del monologo di Drusilla a fine serata, "faccio scalette da tutta la vita - spiega Coletta - e so che c'è una regola: incipit e epilogo sono la cosa più importante di un tracciato artistico. Dopo tutto quello che è accaduto ieri sera quell'epilogo non avrebbe avuto lo stesso impatto nell'incipit, l'ultimo atto resta nella memoria prima di andare a dormire, era premiante inserirlo lì". Amadeus concorda: "Era d'accordissimo anche Drusilla nel chiudere, come gran finale".