Milleunadonna

Lady Gaga nei panni di Patrizia Reggiani-Gucci: “Come potrei non interpretare una cattiva così”

L’attrice e cantante, in copertina di Vogue, parla di "House of Gucci" e di come si sia calata nel personaggio della protagonista

TiscaliNews

"Ho fatto del mio meglio per interpretare la verità", dice Lady Gaga, protagonista di House of Gucci, il film di Ridley Scott girato in Italia in cui interpreta Patrizia Reggiani, in carcere per 17 anni condannata per essere stata la mandante dell'omicidio dell'ex marito Maurizio Gucci, assassinato nel 1995. L’attrice e cantante ha rivelato come ha studiato il personaggio in un’intervista per Vogue Italia che le ha pure dedicato la copertina di novembre.

Parlava come lei, accento compreso

Prima una premessa fashion: "Qualunque cosa indosserò, quello che vi offro è il vero glamour italiano che ho dentro". Poi il suo racconto sul processo di immedesimazione: "Ho vissuto come lei per un anno e mezzo. E ho parlato con il suo accento per nove mesi. Anche fuori dal set. Non ho mai staccato. Sono stata sempre con lei. Era praticamente impossibile per me parlare come lei restando bionda. Ho dovuto subito tingermi i capelli, e ho cominciato a vivere in un modo per cui qualunque cosa vedessi, qualunque cosa toccassi, iniziavo a notare dove e quando ci potessi vedere il denaro".

Il fascino del male

Di Patrizia Reggiani Gucci dice di non voler "Celebrare una persona capace di commettere un omicidio. Ma desidero rendere omaggio alle donne che nel corso della storia hanno imparato a sopravvivere, e alle conseguenze più spiacevoli della sofferenza. Spero che le donne guardino il film, e che rammentino a se stesse che bisogna riflettere bene sul fatto che le persone ferite poi feriscono gli altri. Ed è pericoloso. Cosa succede a una persona quando viene portata al limite?". Il suo approccio è stato di "donna curiosa, con uno spirito giornalistico, per poter leggere fra le righe di quello che accadeva nelle scene del film. E questo significa che nessuno mi avrebbe dovuto dire chi era Patrizia Gucci. Nemmeno Patrizia Gucci". Ammette di aver subito un certo fascino: ""Mi affascinava il percorso di questa donna. Non volevo sentire nessuna opinione che potesse influenzare in alcun modo il mio pensiero. Come potrei non interpretare una stronza così, grintosa, sexy, sconsiderata e audace? Una cacciatrice di dote, italiana, e ribelle?".

Il pensiero agli antenati in Italia

"Fare questo film è stata l'esperienza di una vita, perché ogni minuto, ogni giorno pensavo ai miei antenati in Italia, e quello che hanno dovuto fare per darmi una vita migliore. Volevo che fossero orgogliosi, e per questo motivo ho scelto di interpretare una donna vera, non l'idea di una donna cattiva". "Questa era un'altra cosa che mi interessava: chi ha ucciso Maurizio, cioè, lei chi aveva ingaggiato? Sono convinta che in realtà non abbia detto la verità su questo aspetto. In un'intervista, Reggiani ha detto che erano stati quelli della "banda Bassotti", e credo volesse dire uno della mafia. Mi sono chiesta per un attimo se sia stata la camorra. Quindi ho preso delle decisioni, ancora una volta segrete, su quello a cui ho deciso di credere mentre si girava". "Le persone a cui tengo di più in tutto questo percorso sono i suoi figli e a loro mando amore e compassione, perché sono certa che l'uscita di questo film potrebbe rivelarsi estremamente difficile o dolorosa per loro. E non desidero altro che pace per i loro cuori", conclude.