Insulti a Giorgia Meloni, la difesa del compagno in diretta tv: "Fiero di lei"

Il giornalista Mediaset, Andrea Giambruno, ha difeso la leader di Fratelli d’Italia dopo gli attacchi sessisti del professor Giovanni Gozzini dell'Università di Siena

TiscaliNews

Dopo avere ricevuto la solidarietà di tutto l’arco costituzionale, da destra a sinistra, per gli insulti che le ha rivolto un accademico, Giorgia Meloni può giovarsi anche della vicinanza, senz’altro più scontata, del suo compagno. Andrea Giambruno, giornalista di Tgcom 24, ha preso le difese della leader di Fratelli d'Italia in diretta tv rivolgendosi così al professor Giovanni Gozzini dell'Università di Siena: "Io sono il compagno di Giorgia Meloni che è anche la madre di mia figlia. Sono molto fiero di quello che ha fatto Giorgia nella sua vita. Non mi permetto di commentare le parole del professore perché ci saranno altri luoghi dove verranno commentate e sentenziate in determinati termini. Mi permetto semplicemente di dire che ci sono dei minori che leggono certe schifezze e che io spiegherò a mia figlia quanto sua madre sia valorosa e meritevole di ciò che ha fatto nella sua vita. Io mi auguro professore - ha concluso durante la rassegna stampa da lui curata -, ammesso che lei abbia dei figli, che i suoi di figli possano dire altrettanto dei suoi commenti misogini, indegni e vergognosi. Questo è quanto vi dovevo dire".

Provvedimenti in arrivo per il professore

Intanto il professor Gozzini, ordinario di Storia contemporanea presso l'Ateneo senese, rischia seri provvedimenti. Il rettore Francesco Frati ha annunciato che si confronterà con l'ufficio legale e poi trasmetterà gli atti al collegio di disciplina dell'Università.

"Si alza livello di chi insulta"

Meloni ha ringraziato le istituzioni per la solidarietà ricevuto ma, in collegamento telefonico con "Domenica Live - non è la d'Urso", ha precisato: "Sono abituata a qualche insulto anche fuori luogo e fuori dalle righe. Ma questo era particolarmente grave, perché arrivava da una persona che nella vita insegna ai ragazzi, c'è il rischio che si alzi il livello di chi insulta e questo rischia di riportarci a tempi bui".
Da registrare che, accanto a chi le mostra solidarietà c’è pure chi nota che, nonostante il linguaggio sessista sia sempre da condannare, se c’è una persona che usa un linguaggio politicamente violento, quella è proprio Giorgia Meloni. Insomma farebbe bene a tutti un ridimensionamento del lessico.