Perché il Covid ha riportato le donne indietro di 36 anni. Quanto manca alla parità con gli uomini? I dati italiani

I dati del Wef testimoniano il duro colpo inflitto alla partecipazione femminile al lavoro. I paesi nordici sempre i più virtuosi ma la posizione italiana migliora

Foto Ansa
Foto Ansa
TiscaliNews

La triste sentenza arriva ogni volta che si parla di lavoro e pandemia: le donne sono quelle che ci hanno rimesso di più con il Covid 19. Ma ora c’è un dato preciso che afferma come lo shock pandemico allontani di ulteriori 36 anni il momento in cui il mondo dovrebbe vedere l'uguaglianza di genere: "nonostante si stiano creando condizioni di parità in termini di educazione e condizioni sanitarie, le donne non hanno le stesse opportunità, fronteggiano ostacoli economici, un peggioramento della partecipazione politica e difficoltà nel mantenere il posto di lavoro".

135 anni per la parità di genere

A tracciare il bilancio della situazione globale delle disparità di genere è il World Economic Forum nel suo Gender Gap Report, che come ogni anno fa il conto, sulla base delle condizioni attuali, degli anni che in prospettiva ci vorranno per arrivare alla parità. Un bilancio nettamente peggiorato nell'anno segnato dal Covid, che ha inasprito le disparità familiari con incombenze mediamente ricadute soprattutto sulle madri, ma ha pure falcidiato le opportunità per le ragazze: dai 99,5 calcolati nella precedente edizione, ora ce ne vogliono 135,6. "La pandemia ha fortemente limitato l'eguaglianza di genere, sia nel posto di lavoro che a casa, riportando indietro le lancette dopo anni di progressi"; spiega Saadia Zahidi, Managing Director del World Economic Forum.

Le differenze fra paesi

In testa alla classifica della parità di genere si mantengono i Paesi nordeuropei, a partire da Islanda, Finlandia, Norvegia e Svezia, quest'ultima preceduta dalla Nuova Zelanda e seguita dalla Namibia. Gli Usa sono solo 30esimi. Pur con tutte le difficoltà vissute dalle donne in Italia, nient'affatto immuni al trend globale che le ha viste pagare il prezzo più salato dell'impatto socio-economico della pandemia insieme ai giovani, la Penisola segna un miglioramento degli indicatori calcolati dall'organizzazione di Ginevra.

Migliora l’Italia

La posizione dell'Italia migliora infatti di 14 posizioni, al 62esimo posto su 156 economie prese in considerazione: nel 2020 era 76esima: va meglio, ma resta distanza dalle vicine Germania (11esima) e Francia (16esima). E' al 41esimo posto nella scala dell'emancipazione politica femminile, 33esima quanto a numero di donne con posizioni ministeriali. Più indietro, tuttavia, al 55esimo posto sul fronte dell'educazione, con strada da fare in particolare nella partecipazione femminile ai corsi di studio con più futuro: come le materie Stem (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) da dove provengono solo il 15,7% delle laureate, quasi la metà rispetto ai maschi (33,9%). E ancora, parità di genere lontana nel lavoro part time (49,9% delle donne, contro il 21,4% degli uomini) e nei redditi: la media femminile è del 42,8% più bassa rispetto agli uomini, e persino quando svolgono mansioni simili, le donne soffrono ancora un gap di ben il 46,7% rispetto agli stipendi degli uomini.