Milleunadonna

Contro la violenza sulle donne, stavolta si muovono gli uomini. Così funziona l’assistenza ai maltrattanti

Associazione DireUomo: “Ogni anno 20 maltrattanti in terapia in provincia di Rimini ma mon tutti rispondono nella stessa maniera”

Foto Ansa
Foto Ansa
TiscaliNews

Si dice sempre che la violenza sulle donne è anche un problema culturale e, in particolare, della culture patriarcale maschile. Per questo ogni iniziativa volta a cambiare quella cultura è meritoria: per la prima volta si terrà a Rimini la “Camminata degli uomini” organizzata dalle associazioni Cambia-Menti e DireUomo, che rientra tra gli eventi del Comune per il centenario della Giornata internazionale della donna.

Assistenza agli uomini maltrattanti

Dal 2017 gli psicologi dell'associazione DireUomo assistono uomini maltrattanti: un centinaio i pazienti ricevuti in cinque anni. Diverse le modalità in cui si prende contatto con questi uomini. Pochi gli spontanei, si tratta per lo più di uomini che affrontano il percorso a seguito della mediazione di enti pubblico o privati come centri per famiglie, Ausl, tribunale e forze dell'ordine. "Il Codice rosso", la normativa contro la violenza di genere, "sta portando un maggior numero di uomini. Non sempre con un'adeguata motivazione, perché sono spesso spinti da motivazioni legali, fondamentalmente", spiega a margine di una conferenza stampa lo psicologo Donato Piegari dell'associazione DireUomo.

Solo chi fa violenza può fermarla

Il percorso terapeutico dura "un minimo di sei mesi". "Sono incontri frontali - prosegue l'esperto - basati sul colloquio e dove si cerca di affrontare gli aspetti che stanno alla radice di certi comportamenti inadeguati, e di consigliare delle tecniche per poter gestire al meglio le proprie emozioni, la rabbia o i comportamenti violenti, se ci sono". Dopo la "motivazione", l'elemento più importante da ottenere è la "consapevolezza" dei propri comportamenti inadeguati, afferma lo psicologo. "La maggior parte" dei pazienti "rispondono bene. Non tutti rispondono nella stessa maniera. Purtroppo ci sono pazienti che abbandonano il percorso prima del previsto". L'appuntamento per la camminata è sabato 12 marzo alle 14.30 all'Arco d'Augusto.