Favorire la cicatrizzazione delle ferite: un passaggio fondamentale nella guarigione della pelle

Nelle attività quotidiane può capitare di procurarsi abrasioni o ferite che vanno ad alterare l’equilibrio della cute sottoponendo il nostro organismo al rischio d’infezioni.
Per definizione le ferite possono essere di diversi tipi. Esistono ferite superficiali oppure profonde, possono essere provocate da tagli, traumi, pressioni o sfregamenti (ad esempio quando si ha prurito per una puntura d’insetto, arrossamenti dovuti all’eccessiva esposizione al sole o per la depilazione o ancora nei bambini per lo sfregamento del pannolino) e possono interessare zone diverse del nostro corpo, anche quelle più delicate come nel caso delle ragadi al seno.
Nel momento in cui ci si procura una ferita è importante agire in due direzioni: in primo luogo è fondamentale pulire la ferita con acqua corrente, da polvere, terriccio o da qualsiasi agente esterno; una volta che la ferita è pulita, è necessario disinfettarla con acqua ossigenata o con un comune disinfettante e coprirla con una garza sterile finché il sanguinamento non si riduce.
In secondo luogo è importante agire affinché la ferita si cicatrizzi il più rapidamente possibile in modo da evitare qualsiasi tipo d’infezione e cicatrici troppo visibili. La cicatrizzazione è la risposta del nostro organismo per ripristinare l’integrità della pelle e le sue funzioni.
Per favorire la rimarginazione delle ferite si trovano in commercio formulazioni per uso topico, meglio in crema, studiate per mantenere idratata la zona ferita, proteggerla da contaminazioni esterne e favorirne la guarigione. Applicandole giornalmente sulla cute asciutta e pulita si formerà un piccolo strato sottile che faciliterà il processo di recupero. Queste creme contengono acido ialuronico e sono arricchite con colostro e ingredienti di origine vegetale come l’Aloe. Si assorbono rapidamente e sono adatte a tutta la famiglia, anche ai neonati e agli anziani.
Un ultimo consiglio: nel momento in cui la ferita è guarita, evitate di esporla al sole: la cicatrice potrebbe peggiorare e ingrandirsi. Evitate dunque l’esposizione ai raggi solari e se proprio non potete farne a meno proteggetevi adeguatamente.
  

Altri articoli
La melatonina: un valido alleato contro l'emicrania
Nel celebre film di Alfred Hitchcock, Psyco, ad un certo punto...
Tablet e smartphone: i moderni nemici del sonno
A chi non è capitato di coricarsi nel letto a tarda sera e...
L'alcool: il nemico del buon sonno
Ma chi l’ha detto che con una sbornia si affogano tutti i...
Apnee del sonno: come curarle per evitare pericoli al volante
Sentirsi stanchi durante il giorno e non sapere il perché. Sarà...
© Tiscali Italia S.p.A. 2016  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali