Fibre alimentari, grandi alleate della salute

Siamo quello che mangiamo”. Quante volte abbiamo sentito questa frase e, forse, sottovalutato il suo significato? Siamo fatti del cibo che assumiamo, dell’acqua che beviamo e dell’aria che respiriamo, su questo non ci sono dubbi. La nostra salute e il nostro benessere dipendono in gran parte dalle sostanze che ingerisce il nostro organismo e secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), circa un terzo delle malattie e dei disturbi possono essere evitati grazie a un’alimentazione sana ed equilibrata.
L’organismo umano infatti, per funzionare correttamente, ha bisogno di molti nutrienti e sostanze diverse essenziali a sopperire al bisogno di energia, al ricambio cellulare, alle funzioni protettive e ai processi fisiologici. Per questo è consigliata una dieta il più possibile varia e che punta a una scelta intelligente dei prodotti da consumare.
Un elemento fondamentale che dovrebbe rientrare sempre nella nostra dieta è la fibra, essenziale per il corretto svolgimento di alcune funzioni fisiologiche del nostro corpo. È costituita per la maggior parte da carboidrati complessi non digeribili, e si trova principalmente nei cereali e nei loro derivati, nei legumi, nella frutta e nella verdura.
La fibra alimentare è costituita dalle parti commestibili dei vegetali che non possono essere digerite nell’intestino tenue e transitano integre nell’intestino crasso dove sono parzialmente o completamente fermentate dai batteri intestinali. Durante il processo di fermentazione si formano vari sottoprodotti, acidi grassi a catena corta e gas. L’azione combinata del processo di fermentazione e dei sottoprodotti contribuisce agli effetti benefici delle fibre sulla salute. Esistono due tipologie di fibre: quelle insolubili che non si sciolgono in acqua e agiscono prevalentemente sul funzionamento del tratto gastrointestinale; ne sono un esempio la cellulosa, abbondante negli ortaggi freschi, nella frutta secca e nei cereali integrali e l’emicellulosa, presente nelle verdure. Le altre sono fibre solubili, si sciolgono in acqua e regolarizzano l‘assorbimento di alcuni nutrienti. Si trovano per lo più nei legumi e nella frutta come agrumi, mele, pere, prugne e uva.
I benefici che le fibre esercitano sul nostro organismo sono molteplici e fondamentali: facilitano il raggiungimento della sensazione di sazietà, accelerano il transito delle feci prevenendo stitichezza ed emorroidi e gestiscono l’assorbimento di zuccheri e grassi mantenendo sotto controllo il livello di glucosio e colesterolo nel sangue, prevenendo quindi diabete e malattie cardiovascolari.
In particolare per rimettere in moto la regolarità intestinale, spesso disturbata da una cattiva alimentazione o da periodi di stress, è consigliato assumere integratori contenenti fibre in alta percentuale che aiutino a ritrovare la naturale regolarità, senza irritare l’intestino.
Per una dieta salutare, il fabbisogno giornaliero di fibra di una persona adulta dovrebbe aggirarsi intorno ai 25-35 grammi. È bene dunque privilegiare sempre alimenti ricchi in fibra, che contengono anche vitamine e sali minerali.
Cambiare le nostre abitudini alimentari è il primo passo per stare bene e allungarci la vita.
 
 
 
  

Altri articoli
Emorroidi in gravidanza: piccoli consigli per affrontarle in modo naturale
Per molte donne il periodo della maternità è il culmine della...
Proctiti: consigli utili
Chi ha a che fare con una proctite sta sicuramente passando un...
Alimentazione scorretta e irritazione anale: la dieta corretta
L'importanza di una sana alimentazione è universalmente...
Emorroidi in gravidanza: i rimedi
Uno dei periodi più belli per una donna è la gravidanza. Portare...
© Tiscali Italia S.p.A. 2016  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali